La mia vita da lettore.

22:06

 
Leggevo il blog Reading is Believing quando mi sono imbattuta in questo post adorabile. È una tag dal nome La mia vita da lettore originaria di youtube che propone delle domande relative al nostro rapporto con la lettura. L'ho trovata davvero adorabile e di conseguenza ho deciso di farla anche io.




PASSATO

1. Quanti anni avevi quando hai iniziato a leggere?
Non me lo ricordo sinceramente, sicuramente alle elementari. Ricordo che è capitato più volte che venissi richiamata in classe perché leggevo sotto il banco. Sicuramente ho iniziato a leggere libri un po' più maturi e a leggere con più costanza verso i nove, dieci anni.
2. Qual è il titolo del primo libro che hai letto?
Ahahahahah, no, davvero. Mi dispiace, ma non posso ricordarmelo. In campagna ho ancora tutti i libri per bambini di quando ero piccola e non ho idea di cosa io abbia letto per primo, non ne ho la più pallida idea. Ho sempre avuto tanti libri e i miei mi hanno sempre incoraggiato a leggere, quindi non so dire quale sia "il primo" libro letto.
3. Quale libro ti ha fatto iniziare a leggere con regolarità?
Anche qui non saprei rispondere, ma ricordo con grande amore un libro che si chiama "Storie della storia del mondo" ed era un libro per bambini che trattava di mitologia greca, in particolare ricordo che parlava della storia di Achille, raccontava l'Iliade ai piccoli. L'ho amato tantissimo, quindi diciamo che è stato quello, anche se non lo so dire con certezza.
4. Qual è il primo ricordo che hai della lettura?
Non so se sia il primo, ma è un ricordo molto bello: io e mio fratello volevamo sempre che i nostri genitori ci raccontassero una storia prima di andare a dormire, amavamo addormentarci sognando mondi lontani o personaggi strani, così mio padre decise che sarebbe stato molto bello leggerci Il signore degli anelli per farci addormentare. E io ricordo, come fosse ieri, mio padre che legge della compagnia dell'anello a Moria e imita il rumore dei tamburi.

PRESENTE

1. Quanti libri possiedi?

Poco più di 700 miei, devo inserire gli ultimi acquisti - sono un po' ossessivo compulsiva quindi ho una lista di tutti i libri e fumetti che posseggo. A questi si aggiungono quelli dei miei e quelli di mio fratello.
2. Quale di questi è il tuo preferito?
Odio questa domanda. La odio. Ne dirò solo uno, ma sappiate che è uno dei tanti e soprattutto al momento ci sarà sicuramente qualche titolo che mi sfugge. La Peste di Camus. Lo amo, è un libro molto bello e scritto divinamente, che parla di amore e di guerra attraverso la grande metafora della peste.
3. Qual è quello più detestato?
I dolori del giovane Werther. Lo odio, invece di deprimersi avrebbe dovuto suicidarsi e fare un favore al mondo.
4. Quanto spesso leggi?
Molto spesso. Leggo libri per piacere, leggo fumetti per piacere, leggo libri per la tesi, leggo libri per l'università. Non dico che leggo tutti i giorni, però se ci sono giorni in cui non leggo per niente ci sono altri giorni in cui magari leggo per otto ore. Diciamo che ho una media di lettura di 50 libri all'anno (più o meno) e se in un anno ci sono 52 settimane possiamo dire che leggo all'incirca un libro la settimana (quasi).
5. Children/YA/adult?
Domanda infame. Allora, diciamo che i miei preferiti sono i libri per adulti. Amo molto i classici, i libri della Neri Pozza e in generale libri rivolti ad un pubblico più adulto, che si tratti di gialli, romance, storici o drammatici poco importa. Però ultimamente leggo moltissimi Young Adult, principalmente perché studiando ho spesso bisogno di staccare con qualcosa di semplice e poco impegnativo e trovo gli YA siano perfetti. I libri per bambini sono un discorso a parte, li leggo spesso e penso che siano molto sottovalutati soprattutto perché vengono etichettati come "per bambini" e non gli si dà nemmeno una chance, personalmente li amo molto. Sono spesso scritti e strutturati meglio di tanti YA, esempio vogliamo parlare di Eoin Colfer e Cassandra Clare? Chiaramente Colfer, che ha uno stile pazzesco eppure siccome i suoi libri hanno un target più basso non solo sono meno famosi, ma anche lui è considerato come un autore di seconda scelta. Lo stesso Walter Moers che metà delle persone nemmeno sanno chi sia... disonore su di voi e sulla vostra mucca.
6. Con che velocità leggi? Ti reputi veloce, lento o nella norma?
Dipende molto da come sono messa, ovvero se sono in sessione d'esame o meno. D'estate, in vacanza, leggo anche un libro al giorno, amo farlo, è una full immersion nelle pagine! Altre volte, quando ho molti corsi o molti esami da dare, ecco che divento lentissima, ma non perché non mi prendano le storie, ma perché ho proprio altro da fare e di conseguenza mi tocca leggerli solo la sera poco alla volta. Diciamo che sono una lettrice veloce che spesso è costretta a leggere lentamente.
7. Chi è il tuo autore preferito? Spiega perché.
Sono abbastanza indecisa tra Tolkien, che è riuscito a creare un universo a sé stante e che ha dato l'avvio all'epoca d'oro del fantasy, e Jane Austen, che per me è una sorta di guru, di guida, amo tutti i suoi libri e amo il suo stile così come il suo humor piccante. Ci sono anche JK Rowling e Murakami che sgomitano per farsi strada verso il podio, non so proprio scegliere!
8. Edizioni rilegate o brossura?
Rilegate. Odio la brossura, per carità, ammetto che sia comoda, i paperback sono più economici e più facilmente trasportabili, ma si rovinano facilmente, si piegano gli angolini e si rovina la costina che si riempie di rughe. Le rilegate costano di più e occupano più spazio in libreria, ma sono molto più belle da vedere.
9. Chi è il tuo protagonista preferito? Spiega perché.
;___; non lo so, come faccio a dirne uno solo? Poi mi chiede protagonista non personaggio e io di solito amo di più i comprimari. Vediamo amo moltissimo Phédre No Delaunay dei libri di Jacqueline Carey, quindi direi lei perché è un esempio brillante di protagonista femminile emancipata e intelligente. Tutto l'opposto dei personaggi femminili degli YA di oggi.
10. Chi è il tuo antagonista preferito? Spiega perché. 
Milady e Il Cardinale Richelieu. Sono gli antagonisti principali de I tre moschettieri e io li amo entrambi tantissimo. Milady è una donna fredda e calcolatrice che ha compiuto nefandezze di ogni genere e che si macchia dell'omicidio di un personaggio dolcissimo, tuttavia mi riesce impossibile non amarla. È così ben costruita e descritta che conquista, inoltre è merito suo se dall'altra parte abbiamo Athos come personaggio così luminoso, così altro, così corretto, così Athos, ecco. E poi il Cardinale, che nel suo essere villain è in realtà magnifico, sì è vero si trova a ricoprire il ruolo di nemico, ma nemico di chi? Solo dei moschettieri non certo della Francia di cui è strenuo difensore, né del re. Tutto ciò che il cardinale fa lo fa per il bene dello stato.
11. In media quanto sono lunghi i libri che leggi?
Sono una lettrice onnivora di conseguenza cambia molto la grandezza del libro a seconda di cosa sto leggendo in un determinato momento. Ci sono libri di meno di cento pagine e altri con più di ottocento. Diciamo che facendo una media i libri che leggo hanno tra le 300 e le 400 pagine.

FUTURO

1. Riesci a vederti coinvolto in una carriera che abbia a che fare con i libri?
Sì, studio beni culturali e in specialistica vorrei inserire gli esami necessari per lavorare in biblioteca, non è esattamente quello che voglio fare, ma non si sa mai cosa riservi il futuro quindi preferisco avere i requisiti necessari. In realtà io vorrei lavorare in campo universitario, ma in ogni caso non mi chiudo nessuna porta: mi attira molto lo studio del libro medievale e mi attira molto l'idea di lavorare nell'editoria, ma sono tutti campi davvero complicati e non so ancora cosa ne sarà del mio futuro alla fine di questa specialistica che ho appena iniziato.
2. Pensi che gli ebook riusciranno ad avere la meglio sui cartacei?
No, non lo penso. Leggo sia cartacei che ebook, e per quanto i secondi siano comodi, più economici e leggeri non sono comunque all'altezza di un libro stampato.
3. Trasmetterai il tuo amore per la lettura ai tuoi figli?
Se i miei figli non ameranno leggere li butterò giù dalla rupe tarpea o gli urlerò "Siete stati adottati!"



MJ


You Might Also Like

2 commenti

  1. Davvero risposte carinissime!
    Che bello il papà che legge il signore degli anelli *__*
    Ti auguro di riuscire a lavorare in biblioteca visto che quello che stai studiando te lo permette :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era tanto tenero, è sempre stato un geek senza nemmeno sapere cosa fosse un geek :3
      Spero tanto di riuscire, anche se il mio sogno sarebbe quello di insegnare in ambito universitario, ma non mi illudo, so quanto sia difficile >.< E grazie, sei tanto gentile!

      Elimina

E tu che ne pensi?

Follow the yellow brick road

Like us on Facebook

Flickr Images