Top Ten Tuesday # Villains/Criminals/ and other Nasties

15:06

TopTen Villains/Criminals/ and other Nasties



10. Luke Castellan da Percy Jackson e gli Dei dell'Olimpo
Non so se Luke può davvero essere definito un villain visto il ruolo che ha, ma in ogni caso è un personaggio che apprezzo moltissimo. Nel suo opporsi a quelli che il libro definisce come buoni presenta delle motivazioni di tutto rispetto e finisce con il rivelarsi un personaggio di spessore e degno di rispetto. Ci sono molto affezionata.

9. Polinice da I Sette Contro Tebe di Eschilo
Personaggio negativo della tragedia greca, ma figura che personalmente mi affascina tantissimo. Polinice non è cattivo, ma figura come villain perché marcia contro Tebe, senza che i Tebani riescani a capire l'ingiustizia e il tradimento che gli sono stati inflitti da parte del fratello. Boh, per me lui e Antigone sono tra i miei preferiti di tutte le tragedie greche.
 
8. Lucrezia Borgia da Lucrezia Borgia di Maria Bellonci
Nonostante tutto il personaggio di Lucrezia è molto più stratificato e complesso di quanto appaia, sebbene la sua figura non possa essere classificata come negativa - cosa che viene chiarita proprio nel romanzo/saggio della Bellonci - mi sento di inserirla in questa lista in quanto nasty. La sua figura infatti non può essere considerata nemmeno del tutto positiva e a più riprese Lucrezia ci viene descritta come una donna di polso e dal "pugno di ferro". Chi non conoscesse questa autrice e i suoi romanzi rimedi subito perché meritano moltissimo!

7. Artemis Fowl da Artemis Fowl di Eoin Colfer
Lui. Artemis è il protagonista dell'omonima serie di romanzi, ma rientra perfettamente nella categoria, in quanto non è un eroe positivo, ma un ladro e un furfante senza scrupoli. Indubbiamente matura nel corso della storia fino a lasciarci nell'ultimo volume dopo un percorso di maturazione personale ineccepibile e bellissimo. Per quanto mi riguarda non potevo non inserire il piccolo genio del crimine in questa classifica, gli voglio troppo bene per lasciarlo da parte! 

6. Voldemort e I Malfoy, da Harry Potter di J.K. Rowling.
Conosciamo bene il grande villain di questa serie e i suoi sottoposti più famosi, da parte mia trovo che la caratterizzazione fatta dalla Rowling sia così accurata e ricca di dettagli da rendere questi personaggi estremamente affascinanti e di spessore. Non sempre malvagi, sicuramente controversi, i Malfoy si schierano con il male non perché credono nel male stesso, ma in quanto famiglia conservatrice e portatrice di valori (non certo giusti) che vengono trasmessi da generazioni, che poi Voldemort si trasformi nell'incarnazione del male è qualcosa di successivo, quello viene dopo. Non è un caso se infatti la famiglia Malfoy non ci viene rappresentata come cattiva, ma solo meschina, triste e pavida; la paura col tempo ha preso il sopravvento e quello che vediamo emergere alla fine del settimo libro è l'istinto di conservazione, insieme, ha una comprensione degli errori fatti e - se vogliamo - una presa di coscienza della cosa più importante di tutte: la famiglia.

5. Heathcliff da Cime Tempestose di Emily Bronte
Non ditemi che non può rientrare nella categoria. È stronzo, egoista e crudele, ditemi come può non fare parte di questa classifica. Per mia sfortuna è anche uno dei miei personaggi preferiti e lo amo follemente, forse è proprio il suo carattere burbero e la sua follia che sono così attratta da lui. 

4. Christopher Carrion da Abarat di Clive Barker
LUI. Amo quest'uomo. Amo i suoi incubi, la sua isola della mezzanotte, la sua follia, il suo essere tormentato, crudele e implacabile. Pochissimi libri per ragazzi hanno un cattivo di questo calibro, un personaggio che evolve, che odia e che ama così intensamente. Nemmeno Mater Motley è alla sua altezza.

3. Rebecca da Rebecca, la prima moglie di Daphne Du Maurier
Uno dei libri migliori si sempre con uno dei personaggi più creepy, inquietanti, meschini, crudeli di sempre. E sapete la cosa migliore? Rebecca non compare mai di persona per tutto il corso del romanzo, è la sua presenza che aleggia e che incute angoscia ad ogni pagina. Uno dei personaggi meglio scritti della storia della letteratura (e no, non esagero).
 
2. Jim Moriarty da Sherlock Holmes di Sir Arthur Conan Doyle.
Indubbiamente uno dei personaggi più longevi e più amati della letteratura. Jim Moriarty è un genio del crimine, la nemesi del celeberrimo investigatore Sherlock Holmes. Nessun altro è al suo livello. Insieme al suo braccio destro, Sebastian Moran, Jim ha tutte le carte in regola per diventare l'uomo più potente EVER. Tornato alla ribalta grazie alla performance stratosferica di Andrew Scott nella miniserie della BBC, Moriarty si rivela un villain di tutto rispetto, un uomo senza scrupoli, dal temperamento scostante e dalla mente brillante. Non poteva mancare in questa classifica, non solo perché lo amo moltissimo - e non mi riferisco solo al Mortiarty televisivo, che amo in ogni sua veste, ma soprattutto a quello letterario che con i suoi anni e la sua astuzia fa pesare a Sherlock la sua presenza - ma anche, e soprattutto, in virtù del suo essere il villain per eccellenza.

1. Il cardinale Richelieu e Milady da I Tre moschettieri di Alexandre Dumas
Eccoci al primo posto, primo posto sul podio se lo guadagnano due dei miei personaggi preferiti di tutti i tempi. Il Cardinale Richelieu è una delle figure che preferisco dell'intero romanzo, chi lo giudica cattivo è un folle, non ha capito nulla. Richelieu non è il vero nemico, è un oppositore politico, un grande uomo che per perseguire i suoi fini è disposto a tutto, ma badate, però, perché i suoi fini sono i medesimi fini dei moschettieri, la salvezza della monarchia, del re e della Francia. Senza Richelieu niente sarebbe stato, niente si sarebbe potuto e forse tutto sarebbe perduto. E' indubbiamente uno dei più grandi antagonisti mai creati.
E poi viene Lei, Lei dai molti nomi. Milady, Milady de Winter, Anne de Breuil, Lady Clarick, Comtesse de La Fère, Charlotte Backson. Sempre lei. Sempre letale. Milady dai molti trucchi e dalla vendetta temibile. Terribile nella sua rabbia e nel suo odio. Mai ci fu donna più spaventosa, davvero, non riesco a ricordamene. Lei è meravigliosa, tremenda e crudele, non ha alcuno scrupolo e nulla può fermarla o distoglierla da ciò che vuole ottenere, e mai, mai, mai attraversarle la strada. Io la amo profondamente, anche se non la perdonerò MAI per quello che ha fatto ad Athos, lo amo troppo. Milady dalle mani lorde di sangue, assassina senza rimorsi che riesce ad accattivarsi con la sua carismatica figura l'animo del lettore. Andrei avanti a parlarne per ore, ma farei spoiler immensi a chi non ha letto il libro e non voglio perché dovete leggerlo. ASSOLUTAMENTE.



MJ


You Might Also Like

5 commenti

  1. Una fan di Artemis! *_______________*
    Ooooh!! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è meraviglioso quando le persone si ricordano di lui? ç_ç <3

      Elimina
  2. Approvo in pieno Luke, Voldemort, i Malfoy, Moriarty, Richelieu e Milady e, ovviamente, Heathcliff. Ma con tanto amore.

    RispondiElimina
  3. Ottima classifica! Nono conosco tutti i personaggi bene, ma di quelli che conosco abbastanza, di certo approvo Richelieu e Milady, Heathcliff (anch'io lo amo, ma lo odio, però lo amo..aaargh!) e mi hai fatto venir voglia di dare una certa precedenza su tutti i libri in lista di attesa a Sir Arthur Conan Doyle e il suo Sherlock Holmes oltre ad guardarmi la serie della BBC!
    Grazie per le ispirazioni e ottimo articolo :)!

    RispondiElimina
  4. Artemis Fowl l'adoro come serie, è stato bello vedere come un ragazzino che all'inizio è cattivo, meschino e avido, cresce e cambia :)

    RispondiElimina

E tu che ne pensi?

Follow the yellow brick road

Like us on Facebook

Flickr Images