Trespassers on the Roof of the World

13:44

-- Hopkirk va in vacanza e ci porta in Tibet --

E così ho deciso di recensire ogni singolo libro che leggerò quest'anno, per variate ragioni:
  1. darvi il tormento, essenzialmente;
  2. dare un ordine alla mia vita - e alla mia libreria;
  3. ricordarmi come si scrive in italiano, considerato che vivo in un mondo di libri, appunti e papers in inglese;
  4. mostrare al mondo - cioè a voi, cari e fedeli lettori - i miei bambini preferiti;
  5. ricordarmi che c'è qualcosa oltre l'università e gli esami - e andiamo!

Quindi orsù, iniziamo!
Il primo libro finito quest'anno - dove con finito è da intendersi "L'ho iniziato il primo gennaio e il due alle tre del mattino quasi era finito" - è un'opera dell'immancabile Peter Hopkirk, Mio Unico Maestro, tanto per cominciare l'anno con qualcosa di leggere, poco impegnato e soprattutto fictional. Come no.




Titolo: Alla conquista di Lhasa
Titolo originale: Trespassers on the Roof of the World
Autore: Peter Hopkirk
Casa Editrice: Adelphi
Pagine: 378
ISBN: 9788845923081 
Prezzo: 24,00 euro
Trama: Messi uno vicino all’altro, i titoli di Peter Hopkirk hanno qualcosa di inquietante. Il suo libro più noto, Il Grande Gioco, raccontava come le regioni dell’Asia centrale siano da due secoli la zona strategicamente più calda del pianeta – e lo faceva mentre gli occhi di tutti rimanevano voltati altrove. Quando invece, nel 1982, uscì Alla conquista di Lhasa, molti trovarono a dir poco entusiasmante la rievocazione della corsa, tra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento, per la conquista di quello che ancora era, nell’immaginazione popolare, il Paradiso Perduto: il Tibet. In effetti le imprese di personaggi come Annie Royle Taylor – che nel 1892 abbandonò l’East End per i sentieri himalayani, arrivando, con la sua carovana, a un passo da Lhasa – o Maurice Wilson – fermato dalle autorità inglesi in India mentre stava per realizzare l’ultima fase del suo piano, cioè schiantarsi con un biplano Gipsy Moth alle falde dell’Everest per poi proseguire fino alla vetta e innalzarvi la bandiera britannica – restano nella memoria. Ma c’è di più: nel racconto di Hopkirk sembra aleggiare la credenza antichissima secondo la quale chi conquista il Tibet conquista, semplicemente, il mondo – e si ha così la strana sensazione che le ossessioni e le avventure di singoli così come le mire di immani Stati (la Cina di oggi, ad esempio) verso quei luoghi abbiano un’origine potente e arcana.

Come il buon Hopkirk ci ha ormai insegnato, questo non è un romanzo, bensì un libro di storia - di più, è un libro di storia relativo a viaggi, esplorazioni, e scoperte, che si discosta dal Grande Gioco per la componente mistica che certi capitoli del libro tendono ad assumere, dovendo trattare di esploratori cristiani che affrontarono il duro Tibet per ragioni evangeliche.

Perché Alla conquista di Lhasa parla anche di loro. Alla conquista di Lhasa parla di tutti quegli uomini e quelle donne - pazzi, geni, coraggiosi, irresponsabili, credenti, atei, soldati, privati cittadini - che decisero di affrontare le montagne più dure del mondo per andare alla scoperta di quell'ultima capitale, l'immortale e misteriosa Lhasa, e per rivelarne i segreti, spesso senza sapere, o ignorando, o sottovalutando, a quali insidie e pericoli andavano incontro.

Ogni capitolo di questo libro è dedicato ad una storia diversa, ad una persona, un uomo, una donna, o ad una coppia, o ad un gruppo di soldati inglesi che, nell'ottica del Grande Gioco tra Impero britannico e Impero russo, dovevano per forza di cose raggiungere Lhasa e aprire i canali diplomatici.
Sono capitoli che vi coinvolgeranno e vi faranno riflettere, pagine che vi porteranno alla scoperta del Tibet nei suoi più reconditi aspetti - e sentirete il gelo del vento himalayano e tratterete il fiato con il pubblico inglese durante le prime scalate all'Everest - e che forse vi faranno venire voglia di visitare questo angolo di mondo ancora relativamente segreto.

L'aspetto più "facile" di questo libro è, indubbiamente, il fatto che negli ultimi capitoli arriva a toccare dei decenni più vicini a noi, senza fermarsi all'inizio del secolo o alla prima guerra mondiale come tendono a fare tutti gli altri libri di Hopkirk: questo volume arriva a trattare fino e oltre l'invasione cinese del 1959, ricollegandosi ad una tematica che ultimamente sole comparire nelle nostre televisioni, cioè la questione tibetana. É un'ottima motivazione per leggere questo libro, fidatevi, poiché vi permetterà di affrontare tutti gli altri temi trattati in un'ottica più moderna e contemporanea rispetto agli altri volumi.

Enjoy, folks!


Tre dinosauretti (e mezzo) perché è sì un gran bel libro, ma, a mio parere,
non il migliore di Hopkirk.
Ciò non toglie che dobbiate leggerlo!

Leggerlo sì: perché la storia del Tibet, della cultura buddista, o, in generale, di viaggi e scoperte vi affascina ed è pane per i vostri denti, anche considerato che ormai certe esplorazioni non si possono più fare - procate a dire a vostra madre che domani partite per il Tibet in cerca di Gloria e Onore, e poi vediamo cosa vi risponde.

Leggerlo no: perché la storia del Tibet, della cultura buddista, o, in generale, di viaggi e scoperte non vi interessa assolutamente, perché Hopkirk lo trovate noioso (blasfemi), perché ad un libro di storia preferiti un bel romanzo giallo o un thriller (avete la vostra parte di ragione, indubbiamente).
O perché di Gloria e Onore vi bastano quelli di Mulan.

Leggerlo sì-bonus: perché sono riuscita a farvi innamorare di Hopkirk e volete lasciarmi una contro-recensione tra i commenti. Ma come siete gentili.

You Might Also Like

4 commenti

  1. Non conoscevo Hopkirk, ma sembra un autore che potrebbe piacermi molto! Grazie per avermelo fatto scoprire :)

    RispondiElimina
  2. Nemmeno io lo conoscevo, ma mi sa che ci penserò, visto che mi interessa il Buddhismo e mi piacerebbe capire qualcosa della storia del Tibet. Vi ho taggate qui:http://libreriadinelly.blogspot.it/2014/02/liebester-award-ovvero-questo-blog-non.html

    RispondiElimina
  3. THE PRICE OF TRADITION

    A tradition that could cost you your salvation is the one that states that "for"(eis in Greek) in Acts 2:38 should have been translated, "because of."

    Let us compare "for" (eis) found in Acts 2:38 and Matthew 26:28.

    New American Standard Bible: Acts 2:38 Peter said to them, "Repent, and each of you be baptized in the name of Jesus Christ for the forgiveness of your sins; and you shall will receive the gift of the Holy Spirit.


    New American Standard Bible: Matthew 26:28 for this is My blood of the covenant, which is poured out for many for forgiveness of sins.


    Jesus did not shed His blood because the people already had their sins forgiven. Jesus shed His blood for (in order to) the remission of sins.


    Those three thousand on the Day of Pentecost were not baptized in water because their sins were already forgiven. They were baptized for (in order to) the remission of their sins.


    WHERE IS THE EVIDENCE THAT "EIS" SHOULD HAVE BEEN TRANSLATED "BECAUSE OF" INSTEAD OF "FOR"?


    How did the following translations translate "eis" in Acts 2:38?


    NEW KING JAMES VERSION: Acts 2:38 ......for the remission of sins..


    NEW AMERICAN STANDARD BIBLE: Acts 2:38...for the forgiveness of your sins...


    ENGLISH STANDARD VERSION: Acts 2:38...for the forgiveness of your sins....


    AMERICAN KING JAMES VERSION: Acts 2:38...for the remission of sins...


    KING JAMES BIBLE: Acts 2:38....for the remission of sins...


    THE BETTER VERSION OF THE NEW TESTAMENT by Chester Estes: Acts 2:38...in order to the remission of your sins...


    THE AMPLIFIED NEW TESTAMENT: ...Acts 2:38...for the forgiveness of and release from your sins....


    THE NEW TESTAMENT IN MODERN ENGLISH by J.B. Phillips: Acts 2:38....so that you may have your sins forgiven....


    NEW INTERNATIONAL VERSION: Acts 2:38...for the forgiveness of your sins.....


    NEW LIVING TRANSLATION: Acts 2:38....for the forgiveness of your sins....


    INTERNATIONAL STANDARD VERSION: Acts 2:38...for the forgiveness of your sins...


    ARAMAIC BIBLE IN PLAIN ENGLISH: Acts 2:38...for release from sin...


    AMERICAN STANDARD VERSION: Acts 2:38...unto the remission of your sins...


    DARBY BIBLE TRANSLATION: Acts 2:38...for remission of sins....


    ENGLISH REVISED VERSION: Acts 2:38 ......unto the the remission of your sins....


    WEBSTER'S BIBLE TRANSLATION: Acts 2:38...for the remission of sins....


    WEYMOUTH NEW TESTAMENT: Acts 2:38 ...with a view to the remission of your sins...


    WORLD ENGLISH BIBLE: Acts 2:38...for the forgiveness of sins....


    YOUNG'S LITERAL TRANSLATION: Acts 2:38...to the remission of sins...


    THE THOMPSON CHAIN-REFERENCE BIBLE (NIV): Acts 2:38...so that your sins may be forgiven...


    There is no translation of the Bible that translates "eis" in Act 2:38 as "BECAUSE OF" NOR DOES "EIS" IN ACTS 2:38 MEAN "BECAUSE OF".


    If 'eis" in Acts 2:38 meant "because of", it would have been translated as such.


    The shed blood of Jesus is the reason we receive forgiveness from sins. We contact that blood after faith John 3:16-repentance Acts 2:38-confession Romans 10:9-10 and water baptism Acts 2:38. Water baptism is the point of contact. Water baptism is the last act of a sinner, it not the first act of a Christian.


    THE PRICE OF TRADITION IS TOO HIGH IF IT PREVENTS YOU FROM ACCEPTING THE TRUTH!


    YOU ARE INVITED TO FOLLOW MY BLOG. http://steve-finnell.blogspot.com

    RispondiElimina

E tu che ne pensi?

Follow the yellow brick road

Like us on Facebook

Flickr Images