No, non ero scappata in Burundi, ma le scuse ve le faccio lo stesso

12:00

Buongiorno carissimi. 

Oggi è il primo di settembre e dopo mesi e mesi di silenzio ho deciso di rimettermi in carreggiata, non parlo solo del blog o del canale di Youtube, ma di tutto quanto.
A febbraio, più o meno quando ho smesso di postare recensioni, mi sono imbarcata nella nuova grande avventura della specialistica; mi sono trasferita da Milano a Venezia e mi sono buttata a capofitto in un universo completamente diverso rispetto a quello cui ero avvezza prima. Una nuova tipologia di insegnamento, una relazione completamente differente coi docenti, una città dall'aspetto e dalle abitudini quasi opposte rispetto a ciò mi ero abituata per i primi 24 anni della mia vita. 
Mi sono trasferita, ho incominciato a uscire, ad abituarmi ad un nuovo ritmo di vita non più frenetico e senza sosta come quello milanese, ma più simile a una marea, più calmo, meno improvviso, ma altrettanto esigente. Mi sono abituata a un universo senza macchine, dove l'unico mezzo con le ruote è quello che da Mestre mi porta fino a Venezia, dove i vaporetti non sono più malefici strumenti del demonio il cui unico scopo è farti diventare verde per la voglia di rimettere il pasto, ma fidi compagni senza i quali saresti costretto ad attraversare i canali a nuoto. 
Così mi sono fatta trascinare in un mondo di lezioni frequentate - e per me che in triennale frequentavo solo sotto tortura è stato un enorme passo - giornate passate in biblioteca, serate a fare corsi supplementari di francese, poi il bando erasmus, la consapevolezza di essere stata presa per un intero anno accademico a Parigi, l'ammissione alla Summer School della Columbia, cose, insomma. Quest'estate mi sembra di non essermi mai fermata e so bene che non è una scusante, che avrei benissimo potuto scrivere un post ogni tanto, almeno una settimana, ma mi sono lasciata travolgere e ancora una volta ho dato la priorità al mio piccolo mondo di studi medievali. 

Per questo oggi, 1 Settembre, sono qui a parlare di rimettersi in tiro. 
Rimettere in sesto un ordine mentale che forse non ho mai avuto. Ma quest'anno vorrei dare il giusto peso ad ogni cosa e trovare lo spazio e il tempo per tutti, per gli amici, per i libri, per la scrittura, per lo studio, per i telefilm. Non sono più disposta a rinunciare a ciò che mi fa stare bene solo perché non sono in grado di gestire più cose contemporaneamente, in fondo oramai si avvicina il quarto di secolo.

Con questo post non voglio cercare giustificazioni, un po' perché non mi devo certo giustificare, ma soprattutto perché queste vogliono essere più delle scuse che altro. Mi dispiace di non esserci stata e di essermi un po' persa per strada, non riaccadrà.
Per quanto riguarda Veronica ed Elettra, non so bene cosa vogliano fare della loro vita e in che modo vogliano - se sono ancora intenzionate a farlo - partecipare alla vita di questo blog, ma io continuerò ad esserci e mentre ero via presa da attività completamente diverse ho pensato a nuove iniziative, nuove rubriche, nuovi argomenti da trattare. Ben presto il canale YouTube diventerà parte integrante del blog e non potranno esistere l'uno senza l'altro, ma aspettate - poco - e abbiate fede - tanta.
Per il momento inizieranno a ritornare recensioni e discussioni su libri, anche se quest'anno le letture sono state poche, per ora.

A chi è rimasto posso dire solo Grazie! E a presto, visto che ora di qui non mi schiodo più.


Maryjane.


You Might Also Like

3 commenti

  1. bentornata!!! :D non preoccuparti ^^

    RispondiElimina
  2. Ciao
    bentornata. E un grande in bocca al lupo per tutto.

    RispondiElimina

E tu che ne pensi?

Follow the yellow brick road

Like us on Facebook

Flickr Images