Winter Reading Tips #1

17:33

Ed eccoci pronte a inaugurare una nuova rubrica, perché come direbbe Ned Stark “l'inverno sta arrivando” e noi vogliamo essere pronte.
Presto ci ritroveremo rannicchiati in un angolo del letto/divano/poltrona con una bella tazza di tè o cioccolata calda, copertina sulle gambe e un libro tra le mani, quindi meglio guardarsi attorno e iniziare a scegliere letture che ci terranno ben intrappolate nel nostro confortevole angolo.
In sostanza, la rubrica (a cadenza mensile) servirà a presentarvi una carrellata di libri perfetti per le stagioni fredde in arrivo. Da ottobre a febbraio potrete trovare i nostri consigli riguardanti letture tipicamente autunnali/invernali che vi terranno impegnate anche di fronte alla nevicata perfetta.

Iniziamo subito con tre proposte facili, semplici e che sicuramente avete sentito nominare o riposano direttamente in libreria.

Harry Potter è sempre un buon modo per rompere il ghiaccio.
Potrebbe essere la rilettura perfetta di una piovosa giornata nonsense, perché tornare a leggere di Hogwarts è un po' un tuffo nel passato, a quando lo si è letto per la prima volta. (Sto dando per scontato che tutti lo abbiate letto e spero sia così. In caso contrario, shame on you e volate in libreria.)
Io, ai tempi, mi dividevo tra Harry e i compiti, quindi riprenderlo in mano ora per rileggerlo è sicuramente tutt'altra cosa. Liberatorio e strano al tempo stesso, direi.
Ovviamente qui ho messo come immagine la copertina della Pietra Filosofale, ma che ognuno riprenda in mano il volume preferito e a cui è più affezionato. (Il mio voto in questo senso andrà sempre al prigioniero di Azkaban!) E se invece avete bimbi o nipoti piccoli, fate di Harry una delle loro prime letture "serie", aprirete un bel mondo per loro.


Il secondo consiglio è quello di iniziare al più presto la saga di Diana Gabaldon, Outlander
E' il 1945 quando la protagonista, Claire Randall, parte con suo marito per la Scozia, nel tentativo di ritrovarsi l'un l'altro dopo anni di lontananza causati dalla seconda guerra mondiale. Durante il loro viaggio, Claire viene catapultata indietro nel tempo, nelle Highlands del settecento, e incontra Jamie...
Il riassunto del riassunto de La Straniera in sostanza è questo.
Lo so, quando si parla di viaggi nel tempo si ha sempre un po' paura di leggere una castroneria gestita male, assurda e poco curata, ma la Gabaldon ha chiaramente fatto i compiti.
L'ambientazione è magnificamente curata e la profondità dei personaggi (tanti e ottimamente gestiti) non è mai messa in discussione, verrete catturati dalla lettura senza nemmeno accorgervene.


E come ultimo consiglio non poteva mancare un'autrice come Jane Austen.
Quando si parla di classici non può non essere menzionata e in definitiva la conoscono tutti, anche chi non l'ha mai letta.
Northanger Abbey, tra tutti i suoi libri, è sicuramente quello in cui la Austen ci fornisce un piccolissimo assaggio del gotico che non ha mai scritto, e quello in cui la realtà dei fatti smonta le fantasticherie di una protagonista che è il prototipo della bontà e gentilezza.
Catherine trascorre le sue giornate a Bath come ogni ragazza di buona famiglia dovrebbe fare, circondata da pseudo amici irritanti e invadenti che si mostrano essere lo specchio della superficialità e che, senza il minimo tatto, si interpongono tra l'eroina Austeniana e il suo bello, Henry Tilney, dando vita ad un equivoco di proporzioni notevoli.
Nonostante il riassunto divertente non troveremo in Northanger la modernità di Orgoglio e pregiudizio, ma vi garantisco che l'arguzia della Austen è la stessa nello descrivere personaggi che incarnano allo stremo ogni tipo di caratteristica capace di attirare l'attenzione e smuoverci i nervi, per poi presentarci diversi lati di una protagonista adorabile ma non per questo meno decisa.

E il primo round è andato!
Un po' di Harry Potter, un po' di Scozia e poi dritti verso la cara vecchia Bath, come prima ondata direi che non è malaccio.
Ma siccome a noi le cose piace farle non bene, di più, la rubrica avrà anche una versione video di cui si occuperà la neo parigina Mary Jane sul suo canale youtube! (Per l'occasione si prenderà addirittura una pausa dalle sue abbuffate di Oreo, quindi la cosa è di una certa serietà.) E tranquille, quando la Miss sarà on line troverete tutto qui sul blog.



Celyan

You Might Also Like

14 commenti

  1. Harry Potter è una mia tipica rilettura durante le vacanze natalizie.. cascasse il mondo, io devo assolutamente rileggere tutti i libri della saga.. è un po' una mia tradizione..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima tradizione, è sempre bello constatare quanto HP sia una saga speciale per tante persone!

      Elimina
  2. Io non ho mai letto Harry potter e ora, a 26 anni, mi sto comprando tutta la saga :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si è mai troppo grandi per Harry Potter e hai anche scelto un bel periodo per conoscerlo, quindi buona lettura!

      Elimina
  3. Bellissima questa rubrica! Ogni anno, quando arriva l'autunno, mi metto alla ricerca di qualche titolo "invernale".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem! Un lettore legge sempre, ma è anche vero che in questo periodo c'è tutto un altro fascino. E spero che la rubrica vi faccia scoprire qualcosa di nuovo.

      Elimina
  4. Ho letto solo quello di Potter, tra questi tre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non sei molto per i classici allora ti consiglio la Gabaldon! Il primo libro è abbastanza un mattone (come dimensioni) ma il modo in cui è scritto, i personaggi e la storia in sé renderanno nulla la paura di trovarsi di fronte a tante pagine. Ad agosto è anche uscito lo show televisivo, quindi se vuoi farti un'idea della storia prima di provare con il libro puoi guardare qualche puntata, credo sia la trasposizione più fedele che io abbia mai visto!

      Elimina
  5. Northanger Abbey è perfetto! I classici in generale – e quelli della Austen in particolare – sono letture che mi sanno tanto di autunno/inverno e questo romanzo addirittura un pizzico più degli altri, sarà perché ho il ricordo di quando lo lessi qualche anno fa, addirittura davanti al caminetto acceso >_<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Innanzi tutto tanta invidia per il caminetto!
      Ma a parte ciò... anche io associo in automatico inverno e classici, è più forte di me. Sarà che per alcuni ci vuole tanta concentrazione (non sarei mai riuscita a leggere il conte di montecristo in piena estate) ma in generale sono davvero i classici libri che è un piacere leggere davanti al camino o mentre fuori nevica. Tutta atmosfera.

      Elimina
  6. Il libro della Gabaldon l'ho letto anche io ed è piaciuto anche a me.. Harry Potter lo lessi a undici anni e per qualche anno ne sono stata innamorata.. in realtà una mezza voglia di leggere il primo ogni tanto mi viene, ma purtroppo mi passa in fretta. Tra le mie letture autunnali c'è sempre Flox sorride in autunno, della saga di Fairy Oak! (:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La saga di Fairy Oak non la conosco, però non è la prima volta che la sento nominare e ora sono ufficialmente incuriosita. Credo che me li andrò a cercare, anche perché il nome mi ispira parecchio!

      Elimina
  7. Chiedo a te dato che seguo la tua pagina da qualche mese. E abbiamo gusti mooolto simili. Ho trovato un libro intitolato "l'isola delle farfalle ". L'hai mai letto o sentito parlare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmh, ho presente che libro sia (la copertina) ma non l'ho letto, quindi non saprei darti informazioni di prima mano. Sorry.

      Elimina

E tu che ne pensi?

Follow the yellow brick road

Like us on Facebook

Flickr Images