Il GGG

11:00

Titolo: Il GGG
Autore: Roald Dahl
Pagine: 221
ISBN: 9788877820044 / 8869182185
Prezzo: 10 Euro,
Trama: Sofia non sta sognando quando vede oltre la finestra la sagoma di un gigante avvolto in un lungo mantello nero. È l'Ora delle Ombre e una mano enorme la strappa dal letto e la trasporta nel Paese dei Giganti. Come la mangeranno, cruda, bollita o fritta? Per fortuna il Grande Gigante Gentile, il GGG, è vegetariano e mangia solo cetrionzoli; non come i suoi terribili colleghi, l'Inghiotticicciaviva o il Ciuccia-budella, che ogni notte s'ingozzano di popolli, cioè di esseri umani. Per fermarli, Sofia e il GGG inventano un piano straordinario, in cui sarà coinvolta nientemeno che la Regina d'Inghilterra.




Quando, qualche tempo fa, ho letto che quest'anno avrebbero fatto un film del GGG non ci volevo credere, quando poi ho visto il trailer e ho scoperto che non solo sarebbe stato made in Disney, ma che per di più sarebbe stato diretto da Spielberg, beh sono andata in brodo di giuggiole!
Ho sempre amato questo libro, ne avevo un ricordo bellissimo, ed ero arrivata a non volerlo rileggere per non finire a smontarlo con la logica degli adulti; però dopo la visione del trailer ho sentito quasi una necessità e quindi sono andata a ricercarlo tra i libri di quando ero piccina e mi sono messa sulla poltrona a leggere.
Non che ci sia voluto molto, il target del GGG sono i bambini, bambini non molto grandi per altro, di conseguenza è una storia che si legge in fretta, stampata con caretteri piacevoli e piuttosto grandi e contornata da illustrazioni meravigliose. È una storia magica e divertente che riesce a far sognare anche da adulti; in fondo nessuno si intende di sogni meglio del Grande Gigante Gentile che con la sua enorme tromba passa a soffiarli nelle camere dei bambini.
Non importa quanti anni abbiate ora, perché il modo strampalato di parlare del GGG vi ruberà il cuore in ogni caso, i cetrionzioli e i petocchi vi strapperanno un sorriso e quando avrete finito il vostro umore sarà migliorato del 100%.

Il libro è stato scritto da Roald Dahl, che è probabilmente uno dei più famosi e più amati autori della letteratura per ragazzi; tra le sue opere più note e più amate dal pubblico ricordiamo Charlie e la fabbrica di cioccolato, Gli sporcelli, Furbo il Signor volpe e l'indimenticabile Matilde.
Il GGG - Grande Gigante Gentile, per quegli sprovveduti che non hanno idea di cosa stiamo parlando - viene scritto nel 1982 ed è dedicato alla figlia Olivia, morta vent'anni prima di encefalite; non nasce forse in completa allegria, ma non è questo l'importante, ciò che importa davvero è come vi sentirete dopo averlo finito, sarà quella sensazione di calore all'altezza del petto che solo i libri per bambini riescono a farci provare.

Vi lascio qui di seguito il trailer del film, sperando che riesca a mandarvi in hype proprio come ha fatto con me:


«Solo perché io è un gigante, tu pensa che io è un buongustoso canniballo?» esclamò «Ha ragione, proprio! I giganti è tutti canniballo e assassinistro! Ed è vero che si pappa i popolli della terra! [...]»


5 happy!sheep tokens: indimenticabile

Non so sinceramente se essere dispiaciuta per voi che non l'avete mai letto o se essere invidiosa perché potete leggerlo per la prima volta.

Maryjane

You Might Also Like

2 commenti

  1. Ho avuto un'infanzia priva di Dahl, non è triste? E questo nonostante Matilda fosse uno dei film che in assoluto ho visto più volte da piccola! Ho scoperto solo da "adulta" che la storia era sua, e che questo scrittore era stato tra i primi a far sognare tanti futuri lettori... Purtroppo non avevo molti "intenditori" attorno a me, da piccola sceglievo da sola e spesso facevo i miei acquisti libreschi al supermercato, dove non credo avrei potuto trovare qualcosa di Dahl >_>
    Ma c'è sempre tempo per essere bambini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avrei saputo dirlo meglio. E poi vedila così, adesso hai il tempo di leggerlo per la prima volta e l'età non impedirà assolutamente a questi libri di essere bellissimi.

      Elimina

E tu che ne pensi?

Follow the yellow brick road

Like us on Facebook

Flickr Images